Disponibile online l’App AICE – Anagrafe degli Istituti Culturali Ecclesiastici

Come sa chi segue da più tempo questo blog, in più di un’occasione mi sono soffermato a parlare dell’Anagrafe degli istituti culturali ecclesiastici promossa dall’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici della CEI (si veda per esempio: «Gli Istituti religiosi e l’Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici della CEI: una collaborazione possibile?» e «Ma è poi tanto pacifico che il censimento degli archivi ecclesiastici italiani sia impossibile?»).

Ritorno volentieri a parlarne per presentare la nuova App AICE con cui sarà possibile consultare le risorse di Anagrafe da qualunque smartphone o tablet anche senza la disponibilità di una connessione internet.

L’applicazione può essere scaricata al seguente indirizzo (che rimanda ovviamente ai due principali sistemi operativi in uso, ossia iOS e Android): http://www.chiesacattolica.it/appanagrafe/.

Cliccando sull’icona icona AICE si accede alla homepage [fig. 1] da dove è possibile consultare immediatamente l’elenco degli Istituti culturali suddivisi tra le tre categorie: “Musei”, “Biblioteche” e “Archivi”. All’interno di ciascuna categoria è possibile navigare per regioni politiche o ecclesiastiche [fig. 2]. Gli Istituti sono a loro volta suddivisi per province (nella navigazione “politica”) o per diocesi (nella navigazione “ecclesiastica”) [fig. 3].

Selezionando un Istituto si apre la relativa scheda suddivisa in quattro sezioni:

  1. Home [fig. 4]:
    1. Denominazione e indirizzo
    2. Immagine dell’Istituto
    3. Breve introduzione storica dell’Istituto
  2. Informazioni generali [fig. 5]:
    1. Indirizzo
    2. Recapiti (telefono e fax)
    3. Sito web di riferimento
    4. Contatto mail
    5. Consistenza del patrimonio posseduto
    6. Servizi offerti
  3. Orari di apertura e info [fig. 6]:
    1. Orari di apertura al pubblico
    2. Modalità di accesso
    3. Periodi di chiusura
  4. Localizzazione (georeferenziazione disponibile solo in modalità online) [fig. 7].

L’applicazione prevede inoltre le seguenti funzioni:

  1. Mappa (nel caso si permetta all’App AICE di poter stabilire la posizione dell’utente, quest’ultima fornisce una mappatura degli Istituti più vicini rispetto alla propria ubicazione) [fig. 8]
  2. Cerca (modalità di ricerca libera per parole chiave) [fig. 9]
  3. Preferiti (ciascuna scheda di ogni Istituto presenta in alto l’icona di un cuore che permette di aggiungerla all’elenco dei preferiti, consultabili poi in questa sezione) [fig. 10]
  4. Iniziativa (Presentazione dell’iniziativa da parte di Nunzio Galatino, Segretario generale della CEI, e di mons. Stefano Russo, Direttore dell’UNBCE).

Si comprenderà immediatamente l’utilità di uno strumento che permette di consultare direttamente una banca dati continuamente aggiornata (l’applicazione infatti già nella homepage permette di verificare se siano disponibili eventuali aggiornamenti) e che conta ormai 1483 Istituti culturali ecclesiastici censiti, suddivisi in:

  1. 761 Archivi
  2. 462 Biblioteche
  3. 260 Musei (dati aggiornati a febbraio 2015).

Buona navigazione a tutti!

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Strumenti archivistici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...